Per essere un buon venditore devi saper ascoltare

05 Dicembre 2018

Se l’udito è un senso, una facoltà naturale, quella dell’ascolto è una abilità che si esercita e che germoglia sull’interesse reale che abbiamo per gli altri e per quello che dicono.

Udire è un atteggiamento passivo, ascoltare è un atteggiamento attivo che ci coinvolge, che ci richiede interesse e concentrazione.

Basta guardare gli occhi di chi ci ascolta per capire se ha reale interesse per ciò che stiamo dicendo, se è disposto in una posizione di ascolto attivo. Anche in questo caso si sottovalutano i segnali che ci vengono dalla natura: gli esseri umani sono dotati di due orecchie ed una bocca eppure parlano (solitamente) il doppio ed ascoltano la metà. Ciò avviene, nel migliore dei casi, perché non sempre riusciamo ad essere dell’umore giusto o perché abbiamo contrarietà personali e preoccupazioni che ci turbano.

A volte, però, siamo troppo concentrati su noi stessi e non su chi parla, perché ci sta più a cuore imporre la nostra idea che ascoltare quella degli altri.

Vorremmo sempre ascoltare solo ciò che ci fa piacere ed usiamo un filtro che ci aiuta in questo e che seleziona ciò che ci serve, riservando poca attenzione a chi parla.

Ma quando ascoltiamo con “l’orecchio sinistro”, chi ci parla si sente frustrato per il poco interesse che riesce a suscitare o perché non è riuscito ad esprimere il suo pensiero e di solito reagisce non ascoltando a sua volta.

Ascolto attivo, quindi, ma come ci si può allenare? Quale tecnica o tecniche adottare?

Prima di tutto l’atteggiamento che deve essere, come per le relazioni vere, improntato al “mi interessa quello che dice, mi sta a cuore”.

Proviamo ad analizzare alcuni (sei) atteggiamenti tipici di ascolto.

ASCOLTO EMPATICO

Mi metto dal suo punto di vista, non interrompo, riformulo le idee ed anche i sentimenti che ho captato.

APPROFONDIMENTO

Incito l’interlocutore a fornirmi ulteriori elementi perché mi interessa capire il problema/il suo punto di vista, le sue ragioni.

INTERPRETAZIONE

Traduco con parole mie quello che è stato detto: “ti dico quello che ho capito”. Per renderlo efficace c’è bisogno del consenso dell’altro che sarà spontaneo se percepisce interesse reale e non manipolazione.

SOLIDARIETÀ

E’ un atteggiamento di falsa attenzione, consolatorio, che ha l’intento di attenuare il problema con frasi del tipo “non drammatizziamo, cerchiamo di essere razionali”

CONSIGLIO

Siamo centrati su noi stessi perché approcciamo con l’atteggiamento di suggerire la migliore soluzione, come quella che adotteremmo noi al suo posto in quella situazione.

VALUTAZIONE

Giudico la persona o quello che dice approvando, disapprovando o criticando.

Come sempre, nella vita, anche nel caso dell’ascolto non c’è in assoluto un solo modo per raggiungere l’obiettivo, ma è vincente la capacità di usare l’atteggiamento più adeguato al contesto.

Sicuramente potremmo sintetizzare sull’ascolto attivo:

ASCOLTARE non significa APPROVARE, ma COMPRENDERE (CUM PRENDERE, prendere con sé) e ciò è più facile che avvenga attraverso la RIFORMULAZIONE.

COMPRENDERE, poi, non significa ACCETTARE

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Vendere relazioni

Vendere relazioni

Il successo è un viaggio, non una meta.   "Immagina che ogni singola persona che incontri abbia un cartello attorno al collo che dice: fammi sentire importante. Tienine conto e non solo avrai successo nelle vendite, ma avrai successo nella vita"  Mary Kay Ash...

Allineare la forza vendita alla strategia

Allineare la forza vendita alla strategia

La nuova visione del venditore in un nuovo contesto di mercato Oggi il profilo del venditore sta profondamente cambiando. Il venditore è ormai una figura articolata, un professionista in grado di portare soluzioni, incisivo ed efficiente, non più un semplice...

Il mondo della vendita è in crisi: abbiamo bisogno di cambiamento

Il mondo della vendita è in crisi: abbiamo bisogno di cambiamento

Cambiamento: rifiuto, shock, rabbia...e il conseguente mal di stomaco! Ecco che cosa significa per me cambiamento, o meglio, cosa significa fare un qualcosa che fino a poco tempo fa rifiutavo di fare, ma che oggi sono costretto a fare perché il mercato lo richiede....

Il Conto Corrente Emozionale

Il Conto Corrente Emozionale

Stephen R. Covey, uno dei maggiori esperti mondiali di crescita personale e nel suo famosissimo e vendutissimo libro “Le 7 regole per avere successo”, ha reso famoso il conto corrente emozionale. Di cosa si tratta? È un’immagine molto efficace di ciò che produce...

Consulente alla vendita e barriere della comunicazione

Consulente alla vendita e barriere della comunicazione

Ogni consulente alla vendita deve sempre ricordare che ci sono alcuni fattori, oltre all’ascolto che possono pregiudicare una comunicazione efficace. Alcuni di questi sono interni ed altri esterni ai soggetti che comunicano. Ad esempio, il linguaggio usato. Scopriamo...

Da tirocinio a lavoro: il valore delle nuove risorse in azienda

Da tirocinio a lavoro: il valore delle nuove risorse in azienda

“Cercasi ragazzo/a appena laureato, con qualche anno d’esperienza”. Questo è un classico esempio di richiesta di requisiti per una candidatura ad un posto di lavoro. Ma come può un giovane laureato da poco avere delle esperienze significative in ambito lavorativo?...

La capacità di intercettare il bisogno

La capacità di intercettare il bisogno

Oggi parliamo di: bisogno espresso e bisogno inespresso Certamente una delle fasi più delicate della vendita è quella in cui il consulente commerciale deve riuscire a far emergere il vero bisogno del cliente per far sì che, una volta arrivati all’offerta finale,...

L’importanza di una relazione vera con il cliente

L’importanza di una relazione vera con il cliente

«Voglio stare con le persone ed essere me stessa»: ecco la convinzione dei miei 24 anni, quando ho scelto di fare l’agente di commercio, declinando gentilmente la proposta di assunzione a tempo indeterminato in una grande azienda del Mantovano come Impiegata...

La strategia del venditore: fare le domande giuste

La strategia del venditore: fare le domande giuste

Fare domande può farci cogliere due obiettivi importantissimi della comunicazione: mostrare interesse e capire. La domanda poi ha il grande vantaggio di sollecitare un feed back, un ritorno e può consentirci di “guidare” la comunicazione. Durante una negoziazione è...

L’influenza nella fase d’acquisto: i micro influencer

L’influenza nella fase d’acquisto: i micro influencer

La rivincita dei micro influencer! Amati, adorati, odiati... elevati a livello di vere e proprie celebrities, osannati come trendsetter e coperti d’oro per un semplice selfie su Instagram; se non l’aveste ancora capito, sto parlando della categoria degli influencer....

Velocizzare o semplificare il processo decisionale

Velocizzare o semplificare il processo decisionale

E' possibile facilitare il processo decisionale? Quali sono i famosi principi o, come li definisce Cialdini, scorciatoie che possono velocizzare o semplificare il processo decisionale? Vediamoli insieme! Il principio di Reciprocità Questo principio sostiene che siamo...

Il processo di vendita parte 9: il Post vendita

Il processo di vendita parte 9: il Post vendita

La vendita, secondo noi, inizia dopo che si è portato a casa l’ordine, perché non sono i clienti il vero valore di un’azienda, ma i clienti fedeli. Ed è ciò che accade dopo che conferma al cliente che non lo abbiamo manipolato, che non ci siamo comportati da...