Consulente alla vendita e barriere della comunicazione

21 Novembre 2018

Ogni consulente alla vendita deve sempre ricordare che ci sono alcuni fattori, oltre all’ascolto che possono pregiudicare una comunicazione efficace.

Alcuni di questi sono interni ed altri esterni ai soggetti che comunicano. Ad esempio, il linguaggio usato.
Scopriamo di più.

Se il codice non è lo stesso, la comunicazione non arriverà al destinatario e quindi non ritornerà il feed-back.

Per le barriere interne, l’esempio di due persone di nazionalità diverse, ognuno che parla solo la sua lingua, è facile da comprendere, ma ci conviene riflettere anche sull’uso, in una lingua comune ad entrambi, di termini il cui significato è noto solo a chi parla o è diverso fra chi parla e chi ascolta.

E’ il caso del linguaggio della burocrazia, di quello tecnico e di quella lingua costruita che oggi si parla da noi, mescolando all’italiano termini inglesi a volte pronunciati male, a volte incomprensibili o di cui si intuisce il senso, ma non l’essenza.

Sempre sul fronte delle barriere interne ci sono le differenze culturali, il pregiudizio o la presunzione di conoscere già il seguito della comunicazione, l’overdose di informazioni, lo status dei soggetti coinvolti.

Fra le barriere esterne ci sono sicuramente quelle ambientali determinate da rumori, interruzioni, distrazioni: stanno usando un trapano nell’ufficio affianco, bussano di continuo alla porta, squillano i cellulari ecc… persino la distanza (come quando parliamo da un marciapiede ad una persona che è sull’altro).

Infine un ostacolo, sottovalutato, è la reale disponibilità di tempo in quel momento di uno degli interlocutori.

Se dobbiamo fare una comunicazione importante assicuriamoci di avere, noi e chi deve ascoltarci, il tempo giusto.

Avviene a volte che questo aspetto si sottovaluti pregiudicando il risultato che vogliamo ottenere. Pensate a qualche volta che avete detto: “debbo chiederti una cosa importante, ma vedo che hai fretta, ne parliamo stasera” e alla risposta: “Accennami il tema”. Invece di rimandare, avete dato un assaggio che vi ha poi impedito di trattare l’argomento senza pregiudizi.

Vediamo quindi le cattive abitudini della comunicazione:

    • Interrompere.
    • Passare subito alle conclusioni.
    • Terminare le frasi al posto dell’altro.
    • Cambiare spesso argomento.
    • Avere un linguaggio del corpo incoerente.
    • Non rispondere in modo assertivo alle domande.

E le buone abitudini della comunicazione:

  • Mantenere il contatto oculare.
  • Osservare anche il linguaggio del corpo e coglierne le sfumature.
  • Porre domande e ridare il tempo di articolare il proprio discorso.
  • Restare calmo e controllare le proprie emozioni.
  • Mostrarsi interessato anche con la mimica.

Voglio, infine, concludere questo articolo sulla comunicazione influente con un pensiero finale… Per favorire la migliore condizione di relax, non c’è niente di meglio che una bella risata.

Gli studi del neurologo Henry Rubistein sul tema dei meccanismi fisiologici evidenziano, infatti, una funzione sociale del riso con risultati sorprendenti: un minuto di risate produce una quantità di serotonina ed endomorfina tale da garantire fino a 45 minuti di rilassamento.

E ricordiamoci che si muovono solo 17 muscoli facciali per sorridere e ce ne vogliono 43 per accigliarsi, più facile di così?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Il Coaching può migliorare le performance?

Il Coaching può migliorare le performance?

Con il Coaching, le performance dei collaboratori (dalle vendite alla produzione, dalle risorse umane all’area marketing e all’amministrazione), migliorano sensibilmente: fino a oltre il 30%. Non si può negare, spesso la formazione si fa perché “si deve fare”. Ad...

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

L’esperienza di un lancio di prodotto che non avrei mai creduto possibile Zoom, WebEx, Teams: brutto a dirsi, ma bisogna ammettere che ha fatto più il covid per il digital divide che i tentativi di tutti i Governi negli ultimi 15 anni, di qualsivoglia colore politico...

Dentro o fuori l’azienda?

Dentro o fuori l’azienda?

Il commerciale, ogni giorno, si relaziona con molti contesti diversi; trovare il giusto equilibrio non è sempre facile In qualsiasi ambito della nostra vita, famigliare, lavorativo o di svago, il contesto in cui trascorriamo le nostre giornate gioca un ruolo...

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

Il commerciale è spesso visto come un animale solitario, ma è davvero così? Rimanere ai margini dell’organizzazione non è sempre frutto di una sua scelta. Non siamo abituati a pensarci, ma anche il plurimandatario ha una sua identità e, anche se a primo impatto...

Selezionare venditori di talento

Selezionare venditori di talento

Tutti ricercano collaboratori performanti, ma come muoversi? Il talento è una disposizione innata a fare qualcosa, un potenziale energetico che deve trovare la giusta strada per esprimersi. Tutti posseggono un personale talento, non tutti lo hanno identificato o...

La formazione, un percorso nel tempo

La formazione, un percorso nel tempo

La trasformazione è costante, il cambiamento necessario. Le aziende tutte, indistintamente e a prescindere dalle dimensioni o dai settori di riferimento, hanno un obiettivo: fare utili. Tuttavia non tutte, a questo proposito, individuano una strategia sana e...

La vendita empatica

La vendita empatica

La vendita empatica scavalca la tecnica e guarda alla persona e non al cliente Lo stereotipo della vendita come lotta corpo a corpo con il cliente con in palio la firma di un contratto è cosa del passato, anche se ancora oggi in alcuni modelli di vendita persiste, in...

L’evoluzione del processo di vendita

L’evoluzione del processo di vendita

La negoziazione alla luce del marketing relazionale Come sostiene Jeffrey Gitomer (autore americano, oratore professionista e formatore aziendale, che scrive e tiene conferenze a livello internazionale sulle vendite, sulla fidelizzazione dei clienti e sullo sviluppo...

Incentivare la forza vendita

Incentivare la forza vendita

È tempo di riconoscere il successo, non solo economico. “Datemi una leva e solleverò il mondo”. Questa, secondo la tradizione, è la frase che avrebbe detto Archimede da Siracusa quando ha scoperto il principio della leva. Nel nostro caso l’incentivo diventa una leva...

La pianificazione crea venditori sicuri

La pianificazione crea venditori sicuri

Dall'analisi, alla segmentazione, all'azione Oggi si assiste ad una vera e propria trasformazione del ruolo di venditore: da piazzista a consulente commerciale, ossia da una vendita spot ad un processo di vendita. La parola processo fa riferimento ad una successione...

Una forza vendita efficace

Una forza vendita efficace

Come costruire e far crescere una squadra valida e motivata Una forza vendita efficace, che sappia completare e seguire il processo di vendita, deve innanzitutto aver ben chiari, dove presenti e identificati, gli obiettivi di posizionamento e l’identità che l’azienda...