Il Conto Corrente Emozionale

28 Novembre 2018

Stephen R. Covey, uno dei maggiori esperti mondiali di crescita personale e nel suo famosissimo e vendutissimo libro “Le 7 regole per avere successo”, ha reso famoso il conto corrente emozionale.

Di cosa si tratta?

È un’immagine molto efficace di ciò che produce l’attenzione verso l’altro, il reale interesse che noi venditori, ad esempio, possiamo avere verso il cliente come persona, oltre che per la sua impresa.

Covey non restringe il campo alla vendita, anzi gli esempi più efficaci riguardano il rapporto di coppia e la famiglia, ma questa metafora calza molto anche con le relazioni professionali.

Vediamo insieme i sei depositi fondamentali che Covey ci suggerisce per accrescere il valore del nostro conto corrente emozionale.

Comprendere le persone

È, grosso modo, quello che altrove ho indicato col “Mi interessa, mi sta a cuore” . Se, infatti, è comprensibile che più depositi facciamo sul conto corrente emozionale e più la relazione si consolida, si deve anche convenire che noi e l’altro dobbiamo dare lo stesso valore, lo stesso significato ai depositi.

Capito?

Badare alle piccole cose

Covey dice che nelle relazioni fra persone sono le piccole cose ad essere grandi cose e fa un esempio di vita vissuta personalmente.

Racconta di una giornata trascorsa con i suoi due figli fra sport ed altri divertimenti, finita sul divano di casa con il figlio grande sveglio a vedere con lui un film ed il piccolo addormentato.

Al momento di riportare a casa dalla mamma i figli, siccome faceva freddo, si tolse la giacca ed avvolse l’addormentato Sean deponendolo sul sedile posteriore della macchina.

Arrivati a casa chiese a Stephen, il figlio grande, se aveva passato una bella giornata e che cosa gli era piaciuto di più, ricevendo risposte affermative, ma non convincenti, mentre volgeva lo sguardo dalla parte opposta.

Covey gli chiese, allora, che cosa c’era che non andava e Stephen dopo un lungo silenzio guardandolo in viso gli chiese:” Papà, se io avessi freddo, copriresti anche me con la tua giacca?”

Morale del racconto? Di tutte le cose belle vissute insieme durante quella giornata, Stephen aveva colto quel piccolo gesto di tenerezza rivolto al fratello.

Mantenere gli impegni

Noi commerciali non facciamo fatica a comprendere l’importanza di mantenere gli impegni che assumiamo col cliente, di fare promesse che saremo in grado di confermare coi fatti. Ma quello a cui ci fa riflettere il libro di Covey, vedendola dal punto di vista del conto corrente emozionale, è che una promessa mantenuta è un forte deposito come, al contrario, una promessa mancata rappresenta un forte prelievo.

Chiarire le aspettative

Se nel nostro lavoro quotidiano le nostre aspettative inizialmente possono divergere da quelle del cliente, dobbiamo fare in modo che esse si incontrino laddove è possibile.

Se noi abbiamo l’aspettativa di fare un ordine alle condizioni dettate dall’azienda ed il cliente ha quella di ottenere la migliore merce al miglior prezzo, dobbiamo chiarire quale aspettativa possiamo soddisfare senza lasciare zone d’ombra.

Noi potremo fornirgli il miglior prodotto sul mercato nei tempi concordati, assicurandogli il nostro supporto per il suo utilizzo al prezzo stabilito.

Dar prova di coerenza personale

Covey ascrive il comportamento incoerente come un prelievo, perché quello che abbiamo fatto, tradito la fiducia di chi ci ha fatto quella confidenza personale, nella mente dell’amico a cui abbiamo riportato l’indiscrezione, passa l’idea che domani potremo fare lo stesso con altri raccontando una confidenza ricevuta da lui.

Scusarci sinceramente in caso di prelievo

Ammettere un proprio errore non è facile e tanto meno lo è scusarsi sinceramente avendo coscienza del proprio errore ed essendo disponibili a pagarne le conseguenza.

Nella mia vita di responsabile di risorse, mi è capitato più volte di ricevere scuse da parte di un collaboratore per una manchevolezza, ma spesso le scuse appartenevano alla serie “ti chiedo scusa perché devo farlo, ma non facciamola troppo lunga…”.

Se abbiamo mancato abbiamo fatto un prelievo, se vogliamo fare un versamento a conguaglio, le nostre scuse devono essere sincere.

Le leggi dell’amore e le leggi della vita

Se davvero ci interessa, ci sta a cuore il nostro cliente come persona, se ci interessa e ci sta a cuore il successo della sua impresa, noi agiremo di conseguenza adoperandoci per risolvere i suoi problemi, quelli che sono alla nostra portata, e generare beneficio con i nostri prodotti.

In questo modo avremo fatto un deposito incondizionato, gli avremo dato senza chiedere in cambio di firmarci il contratto o indipendentemente dal contratto che potrebbe firmare, e questo deposito sarà il nostro tesoretto che rafforzerà la nostra relazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Selezionare venditori di talento

Selezionare venditori di talento

Tutti ricercano collaboratori performanti, ma come muoversi? Il talento è una disposizione innata a fare qualcosa, un potenziale energetico che deve trovare la giusta strada per esprimersi. Tutti posseggono un personale talento, non tutti lo hanno identificato o...

La formazione, un percorso nel tempo

La formazione, un percorso nel tempo

La trasformazione è costante, il cambiamento necessario. Le aziende tutte, indistintamente e a prescindere dalle dimensioni o dai settori di riferimento, hanno un obiettivo: fare utili. Tuttavia non tutte, a questo proposito, individuano una strategia sana e...

La vendita empatica

La vendita empatica

La vendita empatica scavalca la tecnica e guarda alla persona e non al cliente Lo stereotipo della vendita come lotta corpo a corpo con il cliente con in palio la firma di un contratto è cosa del passato, anche se ancora oggi in alcuni modelli di vendita persiste, in...

L’evoluzione del processo di vendita

L’evoluzione del processo di vendita

La negoziazione alla luce del marketing relazionale Come sostiene Jeffrey Gitomer (autore americano, oratore professionista e formatore aziendale, che scrive e tiene conferenze a livello internazionale sulle vendite, sulla fidelizzazione dei clienti e sullo sviluppo...

Incentivare la forza vendita

Incentivare la forza vendita

È tempo di riconoscere il successo, non solo economico. “Datemi una leva e solleverò il mondo”. Questa, secondo la tradizione, è la frase che avrebbe detto Archimede da Siracusa quando ha scoperto il principio della leva. Nel nostro caso l’incentivo diventa una leva...

La pianificazione crea venditori sicuri

La pianificazione crea venditori sicuri

Dall'analisi, alla segmentazione, all'azione Oggi si assiste ad una vera e propria trasformazione del ruolo di venditore: da piazzista a consulente commerciale, ossia da una vendita spot ad un processo di vendita. La parola processo fa riferimento ad una successione...

Una forza vendita efficace

Una forza vendita efficace

Come costruire e far crescere una squadra valida e motivata Una forza vendita efficace, che sappia completare e seguire il processo di vendita, deve innanzitutto aver ben chiari, dove presenti e identificati, gli obiettivi di posizionamento e l’identità che l’azienda...

Vendere relazioni

Vendere relazioni

Il successo è un viaggio, non una meta.   "Immagina che ogni singola persona che incontri abbia un cartello attorno al collo che dice: fammi sentire importante. Tienine conto e non solo avrai successo nelle vendite, ma avrai successo nella vita"  Mary Kay Ash...

Allineare la forza vendita alla strategia

Allineare la forza vendita alla strategia

La nuova visione del venditore in un nuovo contesto di mercato Oggi il profilo del venditore sta profondamente cambiando. Il venditore è ormai una figura articolata, un professionista in grado di portare soluzioni, incisivo ed efficiente, non più un semplice...

Per essere un buon venditore devi saper ascoltare

Per essere un buon venditore devi saper ascoltare

Se l’udito è un senso, una facoltà naturale, quella dell’ascolto è una abilità che si esercita e che germoglia sull’interesse reale che abbiamo per gli altri e per quello che dicono. Udire è un atteggiamento passivo, ascoltare è un atteggiamento attivo che ci...

Il mondo della vendita è in crisi: abbiamo bisogno di cambiamento

Il mondo della vendita è in crisi: abbiamo bisogno di cambiamento

Cambiamento: rifiuto, shock, rabbia...e il conseguente mal di stomaco! Ecco che cosa significa per me cambiamento, o meglio, cosa significa fare un qualcosa che fino a poco tempo fa rifiutavo di fare, ma che oggi sono costretto a fare perché il mercato lo richiede....

Consulente alla vendita e barriere della comunicazione

Consulente alla vendita e barriere della comunicazione

Ogni consulente alla vendita deve sempre ricordare che ci sono alcuni fattori, oltre all’ascolto che possono pregiudicare una comunicazione efficace. Alcuni di questi sono interni ed altri esterni ai soggetti che comunicano. Ad esempio, il linguaggio usato. Scopriamo...