Incentivare la forza vendita

11 Febbraio 2020

È tempo di riconoscere il successo, non solo economico.

“Datemi una leva e solleverò il mondo”. Questa, secondo la tradizione, è la frase che avrebbe detto Archimede da Siracusa quando ha scoperto il principio della leva. Nel nostro caso l’incentivo diventa una leva per focalizzare gli sforzi dei venditori e stimolare dei comportamenti più efficaci e efficienti nel raggiungimento di determinati obiettivi che spesso, troppo spesso, vengono decisi dai vertici aziendali senza confronto e condivisione. Calare dall’alto gli incentivi è una pratica ormai superata e fine a sé stessa: per dare obbiettivi raggiungibili, è fondamentale il confronto con la forza vendita e l’attenta valutazione delle eventuali difficoltà operative, nonché delle caratteristiche sia del gruppo che del singolo venditore.

Non confondere l’incentivo con la provvigione

Prima di parlare di come si crea un sistema di incentivazione e della sua importanza, è bene chiarire un concetto che sta alla base organizzativa di ogni rete vendita: l’incentivo è diverso dalla provvigione. La provvigione fa parte del sistema retributivo dell’agente commerciale, l’incentivo deve essere invece visto come un premio.

Definire una strategia efficace di incentivazione

Se decidiamo di dare un premio a qualcuno, dobbiamo aver chiaro il perché. Nell’attività di vendita è fondamentale una corretta politica di incentivazione per tutelare la strategia aziendale, la professionalità e la performance di vendita che, in un mercato sempre più globalizzato e competitivo, sono fattori di importanza fondamentale. Al giorno d’oggi, il valore di un’azienda è sempre più associato ad elementi intangibili come, per esempio, la capacità di fidelizzare e di gestire il cliente. Per questi motivi il venditore non può ricevere solo stimoli di tipo quantitativo, ma deve ricevere anche stimoli di tipo qualitativo; abbassare la percentuale di insoluti, diminuire il numero dei clienti persi o aumentare la marginalità media è importante tanto quanto il target di vendite annuale, cioè il volume delle vendite acquisito nell’anno di riferimento.

Personalizzare gli obiettivi

Gli obiettivi possono essere collegati a dei problemi da limare o a delle abilità da sviluppare e per questo è corretto evitare di standardizzare, dando ad ogni venditore il suo piano incentivi personalizzato. Solo così possiamo rispettare il criterio fondamentale dell’incentivo realistico e realizzabile, sia individuale che di gruppo, salvaguardando il sistema forza vendita da nocive attività competitive. L’obiettivo annuale, con questo sistema, rimarrà il cardine a cui è legato tutto il sistema incentivante, ma verrà calcolato in rapporto alla somma degli obiettivi dati ad ogni venditore in base alle sue personali attitudini/possibilità.

Monitoraggio, condivisione costante e aggiornamento

Per valorizzare al massimo il nostro piano incentivi e tenere alta l’attenzione, oltre a riconosce una buona ricompensa che “paghi” la fatica fatta, è doveroso stabilire e calendarizzare dei momenti di confronto periodici per dare alla forza vendita feedback costanti, motivanti e in grado di alimentare l’entusiasmo se le cose vanno bene o affinare la strategia in caso di difficoltà.

Ricordiamoci infine che, se ben studiato e scelto, un incentivo non economico può risultare efficace e motivante tanto quanto quello economico: alla base di tutto rimane l’approfondita conoscenza della propria rete vendita e la capacità del direttore alle vendite di creare un piano incentivante equilibrato, frutto del giusto mix tra obiettivi quantitativi e qualitativi.

Questo argomento ti interessa? Scopri i nostro corsi formativi destinati ai Venditori ed ai Sales manager!

 

EBOOK_4-1

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Il Coaching può migliorare le performance?

Il Coaching può migliorare le performance?

Con il Coaching, le performance dei collaboratori (dalle vendite alla produzione, dalle risorse umane all’area marketing e all’amministrazione), migliorano sensibilmente: fino a oltre il 30%. Non si può negare, spesso la formazione si fa perché “si deve fare”. Ad...

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

L’esperienza di un lancio di prodotto che non avrei mai creduto possibile Zoom, WebEx, Teams: brutto a dirsi, ma bisogna ammettere che ha fatto più il covid per il digital divide che i tentativi di tutti i Governi negli ultimi 15 anni, di qualsivoglia colore politico...

Dentro o fuori l’azienda?

Dentro o fuori l’azienda?

Il commerciale, ogni giorno, si relaziona con molti contesti diversi; trovare il giusto equilibrio non è sempre facile In qualsiasi ambito della nostra vita, famigliare, lavorativo o di svago, il contesto in cui trascorriamo le nostre giornate gioca un ruolo...

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

Il commerciale è spesso visto come un animale solitario, ma è davvero così? Rimanere ai margini dell’organizzazione non è sempre frutto di una sua scelta. Non siamo abituati a pensarci, ma anche il plurimandatario ha una sua identità e, anche se a primo impatto...

Selezionare venditori di talento

Selezionare venditori di talento

Tutti ricercano collaboratori performanti, ma come muoversi? Il talento è una disposizione innata a fare qualcosa, un potenziale energetico che deve trovare la giusta strada per esprimersi. Tutti posseggono un personale talento, non tutti lo hanno identificato o...

La formazione, un percorso nel tempo

La formazione, un percorso nel tempo

La trasformazione è costante, il cambiamento necessario. Le aziende tutte, indistintamente e a prescindere dalle dimensioni o dai settori di riferimento, hanno un obiettivo: fare utili. Tuttavia non tutte, a questo proposito, individuano una strategia sana e...

La vendita empatica

La vendita empatica

La vendita empatica scavalca la tecnica e guarda alla persona e non al cliente Lo stereotipo della vendita come lotta corpo a corpo con il cliente con in palio la firma di un contratto è cosa del passato, anche se ancora oggi in alcuni modelli di vendita persiste, in...

L’evoluzione del processo di vendita

L’evoluzione del processo di vendita

La negoziazione alla luce del marketing relazionale Come sostiene Jeffrey Gitomer (autore americano, oratore professionista e formatore aziendale, che scrive e tiene conferenze a livello internazionale sulle vendite, sulla fidelizzazione dei clienti e sullo sviluppo...

La pianificazione crea venditori sicuri

La pianificazione crea venditori sicuri

Dall'analisi, alla segmentazione, all'azione Oggi si assiste ad una vera e propria trasformazione del ruolo di venditore: da piazzista a consulente commerciale, ossia da una vendita spot ad un processo di vendita. La parola processo fa riferimento ad una successione...

Una forza vendita efficace

Una forza vendita efficace

Come costruire e far crescere una squadra valida e motivata Una forza vendita efficace, che sappia completare e seguire il processo di vendita, deve innanzitutto aver ben chiari, dove presenti e identificati, gli obiettivi di posizionamento e l’identità che l’azienda...

Vendere relazioni

Vendere relazioni

Il successo è un viaggio, non una meta.   "Immagina che ogni singola persona che incontri abbia un cartello attorno al collo che dice: fammi sentire importante. Tienine conto e non solo avrai successo nelle vendite, ma avrai successo nella vita"  Mary Kay Ash...