L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

25 Febbraio 2022

Il commerciale è spesso visto come un animale solitario, ma è davvero così? Rimanere ai margini dell’organizzazione non è sempre frutto di una sua scelta.

Non siamo abituati a pensarci, ma anche il plurimandatario ha una sua identità e, anche se a primo impatto potrebbe sembrare una cosa da poco, in realtà questo aspetto nasconde delle implicazioni molto importanti.

Personalmente, credo che tante difficoltà che imprese ed imprenditori hanno nel gestire il rapporto con il commerciale plurimandatario, nascano proprio dal fatto di doversi rapportare con una persona esterna all’azienda.
Il plurimandatario ha infatti i suoi obiettivi, i suoi clienti, un’agenzia con relativi costi e ricavi, un bilancio da far quadrare… insomma un’identità, appunto, ben distinta e separata da quella della nostra azienda.

Se pensiamo a quanto spesso anche il commerciale monomandatario sia ostico da integrare rispetto alla nostra filosofia aziendale, perché comunque ha la propria partita iva e una certa libertà di movimento e di gestione del proprio tempo, figuriamoci quale percezione di sé, rispetto alla nostra realtà, potrà mai avere un commerciale al servizio di più aziende!

Un plurimandatario ha le sue relazioni e i suoi obiettivi e, proprio perché ha i suoi impegni, alla fine si muove a prescindere da quello che l’imprenditore vorrebbe facesse o dicesse.
Quando esce sul territorio, infatti, ha tutta una serie di interessi che vanno ben oltre alla singola azienda, fosse anche solo per il fatto che, tra le mani, si trova ad avare i prodotti o i servizi di più marchi.

Di fronte a questa naturale non-gestione del rapporto con il plurimandatario, chi si trova nelle condizioni di affidargli il proprio prodotto si domanda: siamo sicuri che riuscirà a fare sempre la cosa migliore per la mia azienda?
Questo è un dubbio importante perché è lui che, alla fine, si presenta al mercato per parlare di noi e del nostro prodotto.
Sapere cosa dirà – cosa dice tutt’oggi, anche in questo momento – è quindi fondamentale per evitare che si diffonda un’immagine sbagliata di noi e del nostro prodotto.

Purtroppo, cosa dica di noi il plurimandatario è facile da immaginare: difficilmente si allontana dal raccontare il nostro catalogo, perché raramente conosce qualcosa in più del nostro listino.
Il nostro modo di fare le cose o la nostra passione solitamente non fanno parte del suo bagaglio di conoscenze.

Rispetto a un elemento esterno e svincolato come quello del plurimandatario, avere un account interno o un ambassador per la propria azienda sembrerebbe allora la soluzione migliore. Il punto è che queste figure sono costose e non sempre possono essere un’alternativa percorribile.
D’altro canto, creare un rapporto di reale coinvolgimento con il plurimandatario sembrerebbe impossibile, vista la distanza di interessi e di valori che spesso ci dividono da lui.

Eppure, è davvero così?
Possiamo sinceramente dire di averle provate tutte, nel tentativo di coinvolgerlo rispetto alla nostra impresa?
Perché se è vero che il plurimandatario ha questa fama da randagio, è anche vero che nessuna azienda si preoccupa mai di integrarlo nella sua realtà.
Anzi: le prime a trattarlo da estraneo sono proprio loro.

Pensiamoci bene: ci lamentiamo spesso del fatto che con i clienti il commerciale non faccia altro che parlare di prodotto, ma non ci chiediamo mai effettivamente cosa stiamo facendo per fargli conoscere la nostra realtà.
Il più delle volte, il commerciale parla di prodotto perché è l’unica cosa che gli abbiamo raccontato di noi, mentre il nostro perché, il nostro modo unico di lavorare, la passione e l’energia che mettiamo nelle cose, di tutto questo non gliene abbiamo neppure accennato, dandolo forse per scontato.

Certo, all’inizio di ogni anno lo invitiamo per la riunione commerciale di routine, ma questo non può bastare.
Se vogliamo che il commerciale scenda sul territorio e parli della nostra azienda come se a farlo fossimo noi, dobbiamo dargli qualcosa in più.
Perché possa conoscerci davvero, l’obiettivo dev’essere quello di fargli vivere la nostra quotidianità in azienda, perché solo lì potrà comprendere il valore intangibile che ci distingue da tutti gli altri.
Per conoscerci non basta infatti una telefonata ogni tanto: è importante trovarsi di persona e passare del tempo assieme lavorando a dei progetti comuni.

Ad esempio, potremmo stabilire un ranking tra gli agenti plurimandatari, oppure chiedere loro una collaborazione riguardo ad un test per un nuovo prodotto, chiamandoli poi in sede per presentare un report finale.
Sarebbe bene anche coinvolgerli nelle riunioni, ma non solo in quelle più informali e meno strategiche. Fargli cadere ogni volta le cose dall’alto non è il modo migliore per dimostrare il proprio rispetto a chi, in fondo, si confronta ogni giorno con i nostri clienti.
Motivo in più, quest’ultimo, per cui il loro contributo potrebbe essere invece molto prezioso.

Attenzione però: tutto questo ovviamente non deve sostituire la formazione, la quale rimane di assoluta importanza perché, banalmente, sapere cosa si deve vendere e a chi è il primo passo per condurre una contrattazione.
Bisogna però affiancarle la costruzione di un rapporto umano e sincero, perché finché sarà solo una questione di numeri il commerciale non si sentirà mai coinvolto rispetto alla nostra azienda.
Sarà piuttosto una delle tante proposte da sottoporre al cliente mentre parlano di prezzi e di prodotto, cercando la soluzione più conveniente.

Prova ad immaginare invece come sarebbe se potesse raccontare la tua azienda attraverso il tuo sguardo: certo, cosa direbbe al cliente rimarrebbe un segreto, ma non sarebbe più un problema.
Perché l’unica cosa che vorrebbe fare, sarebbe raccontare a tutti quanto siete unici.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Il Coaching può migliorare le performance?

Il Coaching può migliorare le performance?

Con il Coaching, le performance dei collaboratori (dalle vendite alla produzione, dalle risorse umane all’area marketing e all’amministrazione), migliorano sensibilmente: fino a oltre il 30%. Non si può negare, spesso la formazione si fa perché “si deve fare”. Ad...

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

L’esperienza di un lancio di prodotto che non avrei mai creduto possibile Zoom, WebEx, Teams: brutto a dirsi, ma bisogna ammettere che ha fatto più il covid per il digital divide che i tentativi di tutti i Governi negli ultimi 15 anni, di qualsivoglia colore politico...

Dentro o fuori l’azienda?

Dentro o fuori l’azienda?

Il commerciale, ogni giorno, si relaziona con molti contesti diversi; trovare il giusto equilibrio non è sempre facile In qualsiasi ambito della nostra vita, famigliare, lavorativo o di svago, il contesto in cui trascorriamo le nostre giornate gioca un ruolo...

Selezionare venditori di talento

Selezionare venditori di talento

Tutti ricercano collaboratori performanti, ma come muoversi? Il talento è una disposizione innata a fare qualcosa, un potenziale energetico che deve trovare la giusta strada per esprimersi. Tutti posseggono un personale talento, non tutti lo hanno identificato o...

La formazione, un percorso nel tempo

La formazione, un percorso nel tempo

La trasformazione è costante, il cambiamento necessario. Le aziende tutte, indistintamente e a prescindere dalle dimensioni o dai settori di riferimento, hanno un obiettivo: fare utili. Tuttavia non tutte, a questo proposito, individuano una strategia sana e...

La vendita empatica

La vendita empatica

La vendita empatica scavalca la tecnica e guarda alla persona e non al cliente Lo stereotipo della vendita come lotta corpo a corpo con il cliente con in palio la firma di un contratto è cosa del passato, anche se ancora oggi in alcuni modelli di vendita persiste, in...

L’evoluzione del processo di vendita

L’evoluzione del processo di vendita

La negoziazione alla luce del marketing relazionale Come sostiene Jeffrey Gitomer (autore americano, oratore professionista e formatore aziendale, che scrive e tiene conferenze a livello internazionale sulle vendite, sulla fidelizzazione dei clienti e sullo sviluppo...

Incentivare la forza vendita

Incentivare la forza vendita

È tempo di riconoscere il successo, non solo economico. “Datemi una leva e solleverò il mondo”. Questa, secondo la tradizione, è la frase che avrebbe detto Archimede da Siracusa quando ha scoperto il principio della leva. Nel nostro caso l’incentivo diventa una leva...

La pianificazione crea venditori sicuri

La pianificazione crea venditori sicuri

Dall'analisi, alla segmentazione, all'azione Oggi si assiste ad una vera e propria trasformazione del ruolo di venditore: da piazzista a consulente commerciale, ossia da una vendita spot ad un processo di vendita. La parola processo fa riferimento ad una successione...

Una forza vendita efficace

Una forza vendita efficace

Come costruire e far crescere una squadra valida e motivata Una forza vendita efficace, che sappia completare e seguire il processo di vendita, deve innanzitutto aver ben chiari, dove presenti e identificati, gli obiettivi di posizionamento e l’identità che l’azienda...

Vendere relazioni

Vendere relazioni

Il successo è un viaggio, non una meta.   "Immagina che ogni singola persona che incontri abbia un cartello attorno al collo che dice: fammi sentire importante. Tienine conto e non solo avrai successo nelle vendite, ma avrai successo nella vita"  Mary Kay Ash...