Dentro o fuori l’azienda?

25 Febbraio 2022

Il commerciale, ogni giorno, si relaziona con molti contesti diversi; trovare il giusto equilibrio non è sempre facile

In qualsiasi ambito della nostra vita, famigliare, lavorativo o di svago, il contesto in cui trascorriamo le nostre giornate gioca un ruolo importantissimo.
Quante volte, per esempio, il non sentirci a nostro agio ha compromesso la piacevolezza di un incontro o l’esito di un progetto?

Volendo provare a darne una definizione, potremmo dire che il contesto è un luogo in cui si crea un’energia particolare tra le persone che lo abitano e che, pur essendo totalmente intangibile, ne influenza i rapporti.
Questa energia, ben inteso, può essere positiva come negativa, tutto dipende dal ruolo che le persone che ne fanno parte decidono di assumere.

A proposito di ruolo, quello del commerciale nel tempo è cambiato molto.
La figura del venditore è passata infatti da quella del classico venditore aggressivo, stereotipo del piazzista che tutti conosciamo, a quella del consulente capace di ascoltare le esigenze del cliente e trovare la soluzione migliore rispetto ai suoi bisogni.

Chi è il consulente commerciale

Il consulente commerciale è l’ultimo elemento della filiera, quello che ha sulle spalle la responsabilità di valorizzare la fatica dell’intero processo attraverso il quale passa la creazione di un prodotto o servizio.
Per farlo è fondamentale che sia ben allineato rispetto all’organizzazione con cui collabora, perché solo entrando direttamente in contatto con la passione, l’eticità e la motivazione dell’intera organizzazione saprà poi raccontarne il prodotto al cliente, trasmettendo con le sue parole lo stesso entusiasmo con il quale l’imprenditore e tutti i suoi collaboratori vivono l’azienda e il proprio lavoro.

Parimenti, però, non sarà solo la conoscenza del contesto di origine, per così dire, a tornargli utile, bensì anche quella d’arrivo.
Non a tutti interessano infatti le stesse cose, e saper vendere un prodotto significa prima di tutto capire chi si ha di fronte, quali sono i suoi bisogni e in quale modo il nostro prodotto o servizio possa aiutarlo a risolverli.
Comprendere il contesto di arrivo è quindi più che mai importante per il commerciale, perché solo così saprà come declinare al meglio il messaggio del quale si è fatto ambasciatore.
Nel suo lavoro il commerciale ha dunque a che fare con molteplici contesti, e in ognuno di questi trova sfide differenti, il cui esito dipende in parte dalla sua volontà, in parte da quella delle aziende con le quali ha deciso di instaurare i suoi rapporti.

Il contesto con la propria azienda

Il primo contesto al quale appartiene il commerciale è senza dubbio quello dell’azienda con cui collabora.
È qui che trae l’energia e la motivazione necessarie per scendere sul territorio o telefonare ai clienti.
L’azienda lungimirante è quella che ha capito quanto sia importante coinvolgere il commerciale all’interno della propria realtà, condividendo con lui il piano strategico e, soprattutto, riuscendo a trasmettergli i valori che contraddistinguono l’azienda stessa.
Ci sono tuttavia molte aziende che troppo spesso si limitano a codificare un metodo, imponendo dei principi che vengono solo comunicati e non effettivamente condivisi. Il commerciale a quel punto si limita però ad imparare a memoria delle regole che non arrivano mai a toccarlo nel profondo, perché non sentendosene parte non ha motivo di farle davvero proprie.
Spesso questo accade quando le aziende limitano il proprio impegno alla fase di formazione, e cioè nel comunicare al commerciale le informazioni delle quali non potrebbe fare a meno per condurre una contrattazione, senza però integrarlo realmente all’interno dell’azienda facendolo sentire a tutti gli effetti parte della squadra.

Il contesto con il cliente

Il secondo contesto con il quale, per sua natura lavorativa, deve fare i conti, è quello relativo all’azienda cliente o potenziale tale.
È ovviamente di fondamentale importanza che il consulente commerciale conosca il contesto cui appartiene il cliente prima di accendere la macchina per raggiungerlo. Raccogliere quante più informazioni possibili in vista di un incontro fa parte della normale routine di ogni buon venditore, ma c’è un di più che può aiutarlo ad andare oltre a quanto ha già avuto modo di conoscere in una fase di ricerca preliminare.
Quando infatti si trova in presenza del cliente, magari dopo averlo raggiunto presso il suo luogo di lavoro, attraverso un’attenta attività di ascolto e di osservazione il commerciale potrà facilmente raccogliere ulteriori indizi sul proprio interlocutore.
Indizi fatti di dettagli: una parola detta con un certo tono, uno sguardo particolarmente intenso, un gesto di premura inaspettata. Tutto questo può svelargli il sistema di valori di chi ha di fronte, permettendogli di assumere il comportamento più adeguato alle circostanze. È un ambiente formale o informale, ad esempio? Può concedersi di approcciarsi con una battuta di spirito, oppure è più opportuno mantenere le distanze?
Riuscire a leggere il contesto in cui è arrivato gli permetterà di connettersi alle frequenze del cliente con più facilità, ottenendo così una comunicazione molto più efficace.

Una questione di equilibrio

Il consulente commerciale è per sua natura portato alle relazioni, adora interagire con le persone eppure, sul lavoro, è un lupo solitario.
Anche quando fa parte di un team in realtà è spesso messo in concorrenza coi colleghi, per cui è raro si superi un certo grado di collaborazione.
Il fatto stesso di trovarsi a ridosso di contesti differenti lo pone in una situazione particolare, perché anche quando appartiene ad una realtà aziendale precisa è pur sempre spesso al di fuori di questa, macinando migliaia e migliaia di chilometri ogni anno.

Sapersi far carico di queste grandi contraddizioni è sicuramente una sfida importante per ogni consulente commerciale, il quale però ha oggi a suo favore una grande opportunità.

All’inizio dell’articolo abbiamo parlato di ruoli, di come il piazzista aggressivo abbia lasciato il posto alla figura del consulente commerciale, più attento all’ascolto e ai reali bisogni del cliente.
Ecco, la gestione stessa di tutti questi contesti oggi stesso può e deve cambiare, così com’è cambiata la figura del commerciale con l’avvento di un altro tipo di consumatore.
Parlo di una gestione più inclusiva e meno separativa; più aperta al dialogo e capace di far coesistere tutti e molteplici i contesti che, da sempre, caratterizzano il meraviglioso lavoro del venditore, in un equilibrio che non penalizzi nessuno di essi.
Una sfida difficile ma che, oggi, sono sicura sia possibile vincere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Il Coaching può migliorare le performance?

Il Coaching può migliorare le performance?

Con il Coaching, le performance dei collaboratori (dalle vendite alla produzione, dalle risorse umane all’area marketing e all’amministrazione), migliorano sensibilmente: fino a oltre il 30%. Non si può negare, spesso la formazione si fa perché “si deve fare”. Ad...

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

L’esperienza di un lancio di prodotto che non avrei mai creduto possibile Zoom, WebEx, Teams: brutto a dirsi, ma bisogna ammettere che ha fatto più il covid per il digital divide che i tentativi di tutti i Governi negli ultimi 15 anni, di qualsivoglia colore politico...

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

Il commerciale è spesso visto come un animale solitario, ma è davvero così? Rimanere ai margini dell’organizzazione non è sempre frutto di una sua scelta. Non siamo abituati a pensarci, ma anche il plurimandatario ha una sua identità e, anche se a primo impatto...

Selezionare venditori di talento

Selezionare venditori di talento

Tutti ricercano collaboratori performanti, ma come muoversi? Il talento è una disposizione innata a fare qualcosa, un potenziale energetico che deve trovare la giusta strada per esprimersi. Tutti posseggono un personale talento, non tutti lo hanno identificato o...

La formazione, un percorso nel tempo

La formazione, un percorso nel tempo

La trasformazione è costante, il cambiamento necessario. Le aziende tutte, indistintamente e a prescindere dalle dimensioni o dai settori di riferimento, hanno un obiettivo: fare utili. Tuttavia non tutte, a questo proposito, individuano una strategia sana e...

La vendita empatica

La vendita empatica

La vendita empatica scavalca la tecnica e guarda alla persona e non al cliente Lo stereotipo della vendita come lotta corpo a corpo con il cliente con in palio la firma di un contratto è cosa del passato, anche se ancora oggi in alcuni modelli di vendita persiste, in...

L’evoluzione del processo di vendita

L’evoluzione del processo di vendita

La negoziazione alla luce del marketing relazionale Come sostiene Jeffrey Gitomer (autore americano, oratore professionista e formatore aziendale, che scrive e tiene conferenze a livello internazionale sulle vendite, sulla fidelizzazione dei clienti e sullo sviluppo...

Incentivare la forza vendita

Incentivare la forza vendita

È tempo di riconoscere il successo, non solo economico. “Datemi una leva e solleverò il mondo”. Questa, secondo la tradizione, è la frase che avrebbe detto Archimede da Siracusa quando ha scoperto il principio della leva. Nel nostro caso l’incentivo diventa una leva...

La pianificazione crea venditori sicuri

La pianificazione crea venditori sicuri

Dall'analisi, alla segmentazione, all'azione Oggi si assiste ad una vera e propria trasformazione del ruolo di venditore: da piazzista a consulente commerciale, ossia da una vendita spot ad un processo di vendita. La parola processo fa riferimento ad una successione...

Una forza vendita efficace

Una forza vendita efficace

Come costruire e far crescere una squadra valida e motivata Una forza vendita efficace, che sappia completare e seguire il processo di vendita, deve innanzitutto aver ben chiari, dove presenti e identificati, gli obiettivi di posizionamento e l’identità che l’azienda...

Vendere relazioni

Vendere relazioni

Il successo è un viaggio, non una meta.   "Immagina che ogni singola persona che incontri abbia un cartello attorno al collo che dice: fammi sentire importante. Tienine conto e non solo avrai successo nelle vendite, ma avrai successo nella vita"  Mary Kay Ash...