Il Coaching può migliorare le performance?

09 Marzo 2022

Con il Coaching, le performance dei collaboratori (dalle vendite alla produzione, dalle risorse umane all’area marketing e all’amministrazione), migliorano sensibilmente: fino a oltre il 30%.

Non si può negare, spesso la formazione si fa perché “si deve fare”.

Ad evitarlo si avrebbe la sensazione di essere lasciati indietro, così manager e imprenditori si impegnano comunque in un investimento che però fatica a dimostrare i suoi risultati.

Per ciò che riguarda il Coaching, esso stesso, senza un numero capace di attestarne il valore generato, non riesce a togliersi quella patina d’incertezza che lo fa apparire a volte come uno strumento di formazione vago e rischioso.

Le cose, però, sono cambiate. Oltre ai risultati che parlano chiaro, ora ci sono anche i numeri e studi autorevoli che testimoniano la sua efficacia.

La recente pubblicazione di uno studio condotto dal Comitato Scientifico ICF sembra infatti essere riuscito a dimostrare il valore della formazione.

Per la prima volta è stato possibile misurare l’impatto del coaching sui comportamenti e le emozioni dei soggetti che ne hanno fatto esperienza, confermandone gli effetti positivi.

Ma andiamo con ordine.

Dopo aver reclutato 176 partecipanti, la maggior parte dei quali laureati tra i 46 e i 55 anni, gli stessi sono stati divisi in due gruppi differenti.
Il primo, composto da 89 partecipanti, è stato definito come gruppo sperimentale; il secondo, di 87, come gruppo di controllo.

A proposito di quest’ultimo, per evitare ogni possibile interferenza rispetto ai risultati finali, sono stati accettati solo soggetti che non hanno mai fatto esperienze di coaching.

Durante i 6 mesi successivi, mentre al gruppo di sperimentazione sono state somministrate un totale di 9 ore di coaching, al gruppo di controllo si è fornito del semplice materiale informativo.

I risultati finali sono stati decisamente interessanti e sono stati verificati attraverso due differenti questionari validati, ovviamente somministrati ad entrambi i gruppi.

Il primo è stata la versione italiana della Connor-Davidson Resilience Scale, un questionario utile a misurare i livelli di resilienza e ripresa rispetto alle emozioni negative sorte in seguito ad un contrattempo, un litigio o un lutto.
Il secondo era, sempre nella sua versione italiana, il Regulatory Mode Questionnaire, utile a misurare i livelli di locomotion (ovvero la propensione all’azione e al cambiamento) e di assessment (la quale non è altro che la capacità da parte del soggetto di valutare criticamente i mezzi e le alternative che ha a disposizione per il raggiungimento di un obiettivo).

Entrambi i questionari sono stati somministrati ai due gruppi sia all’avvio della fase di sperimentazione che successivamente al suo termine.

Come anticipato, i risultati sono stati sorprendenti: rispetto al gruppo di controllo, quello soggetto alle sessioni di coaching ha visto un aumento delle performance tra il +7,5% e il +30,6%.

Numeri che, senza ombra di dubbio, testimoniano una risposta ben precisa.
Il coaching si dimostra essere un ottimo investimento per le aziende che si vogliono migliorare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

Dal Public Speaking tradizionale al Digital Speaking Emozionale

L’esperienza di un lancio di prodotto che non avrei mai creduto possibile Zoom, WebEx, Teams: brutto a dirsi, ma bisogna ammettere che ha fatto più il covid per il digital divide che i tentativi di tutti i Governi negli ultimi 15 anni, di qualsivoglia colore politico...

Dentro o fuori l’azienda?

Dentro o fuori l’azienda?

Il commerciale, ogni giorno, si relaziona con molti contesti diversi; trovare il giusto equilibrio non è sempre facile In qualsiasi ambito della nostra vita, famigliare, lavorativo o di svago, il contesto in cui trascorriamo le nostre giornate gioca un ruolo...

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

L’identità del commerciale rispetto al contesto aziendale

Il commerciale è spesso visto come un animale solitario, ma è davvero così? Rimanere ai margini dell’organizzazione non è sempre frutto di una sua scelta. Non siamo abituati a pensarci, ma anche il plurimandatario ha una sua identità e, anche se a primo impatto...

Selezionare venditori di talento

Selezionare venditori di talento

Tutti ricercano collaboratori performanti, ma come muoversi? Il talento è una disposizione innata a fare qualcosa, un potenziale energetico che deve trovare la giusta strada per esprimersi. Tutti posseggono un personale talento, non tutti lo hanno identificato o...

La formazione, un percorso nel tempo

La formazione, un percorso nel tempo

La trasformazione è costante, il cambiamento necessario. Le aziende tutte, indistintamente e a prescindere dalle dimensioni o dai settori di riferimento, hanno un obiettivo: fare utili. Tuttavia non tutte, a questo proposito, individuano una strategia sana e...

La vendita empatica

La vendita empatica

La vendita empatica scavalca la tecnica e guarda alla persona e non al cliente Lo stereotipo della vendita come lotta corpo a corpo con il cliente con in palio la firma di un contratto è cosa del passato, anche se ancora oggi in alcuni modelli di vendita persiste, in...

L’evoluzione del processo di vendita

L’evoluzione del processo di vendita

La negoziazione alla luce del marketing relazionale Come sostiene Jeffrey Gitomer (autore americano, oratore professionista e formatore aziendale, che scrive e tiene conferenze a livello internazionale sulle vendite, sulla fidelizzazione dei clienti e sullo sviluppo...

Incentivare la forza vendita

Incentivare la forza vendita

È tempo di riconoscere il successo, non solo economico. “Datemi una leva e solleverò il mondo”. Questa, secondo la tradizione, è la frase che avrebbe detto Archimede da Siracusa quando ha scoperto il principio della leva. Nel nostro caso l’incentivo diventa una leva...

La pianificazione crea venditori sicuri

La pianificazione crea venditori sicuri

Dall'analisi, alla segmentazione, all'azione Oggi si assiste ad una vera e propria trasformazione del ruolo di venditore: da piazzista a consulente commerciale, ossia da una vendita spot ad un processo di vendita. La parola processo fa riferimento ad una successione...

Una forza vendita efficace

Una forza vendita efficace

Come costruire e far crescere una squadra valida e motivata Una forza vendita efficace, che sappia completare e seguire il processo di vendita, deve innanzitutto aver ben chiari, dove presenti e identificati, gli obiettivi di posizionamento e l’identità che l’azienda...

Vendere relazioni

Vendere relazioni

Il successo è un viaggio, non una meta.   "Immagina che ogni singola persona che incontri abbia un cartello attorno al collo che dice: fammi sentire importante. Tienine conto e non solo avrai successo nelle vendite, ma avrai successo nella vita"  Mary Kay Ash...